Sopravvivere allo stress col sorriso!

Nel periodo del coronavirus, si evidenzia sempre di più il disagio di noi commesse nei confronti della clientela poco incline e stanca alle restrizioni. E’ una lotta continua nel far rispettare le regole e quindi in questo articolo voglio raccontare in modo ironico le 5 cose surreali che accadono in negozio.

Come stanno vivendo le commesse questo periodo:

Le commesse, a parte alcune categorie che non hanno mai smesso di lavorare nei settori primari , sono sempre state in prima linea nel lottare con i clienti senza mascherina e subire le giornate storte di maleducati che si sfogano con te la loro insoddisfazione. Ma vediamo di elencare tutte le situazioni surreali che le commesse devono affrontare in negozio.

La mascherina usata come optional:

L’ utilizzo della mascherina è considerato un optional, chi la porta sotto il naso, chi la abbassa per parlare al telefono come se la comunicazione migliorasse, chi la tira giù perchè non sente quello che l’ interlocutore dice : ” Mi verrebbe da ricordarti che le mascherine non coprono le orecchie.” Probabilmente non ti è chiaro che è un dispositivo per evitare il contagio e se la indossi correttamente faresti una cortesia a tutti.

mascherine usate come bavaglino
Mascherine usate come bavaglino invece che come dispositivo di sicurezza

Igienizzarsi le mani:

Un altra lotta alla quale devo sopperire e per la quale non vengo pagata, è convincere i clienti ad igienizzarsi le mani. Mi chiedo cosa ti passa per la mente quando mi proponi di non sanificare le mani perchè hai i guanti. I guanti proteggono te e non chi hai davanti, che deve prendere i tuoi soldi o la tua carta di credito in mano, e chissà cosa hai toccato prima strada facendo. Quindi è un atto di civiltà e gentilezza verso il prossimo, se ti igienizzi le mani senza fare tante storie.

Leccarsi le dita per prendere banconota:

Questa è una cosa che non sopporto e che rientra tra le 5 cose surreali che accadono in negozio. Quando per darmi i 50 euro, ti lecchi prima le dita per poi porgermeli, sappi che non va bene. Capisco che certe abitudini sono dure a morire, ma non è accettabile dopo due anni, comportarsi come se ancora non avessimo capito con cosa stiamo lottando, e che quello che farà la differenza sarà l’attenzione verso il prossimo e di conseguenza verso noi stessi

Abbassare mascherina per starnutire:

Credo che a questo punto sia un gesto compulsivo, perchè la maggior parte delle persone si abbassa la mascherina per starnutire e sei fortunata se non capire nel suo raggio d’azione. Non lo so, ultimamente faccio fatica nel capire dove sono finite le buone maniere e il rispetto. Chissà se questi atteggiamenti venissero fatti nei confronti di tua figlia, nipote, moglie ..se saresti così ineducato e menefreghista.

Soffiarsi il naso in negozio:

Non capirò mai il perchè, nel momento stesso in cui entri in un negozio, ti abbassi la mascherina e ti soffi il naso? Percheeeeeee’ me lo spieghi???????? Eri fino ad un secondo prima fuori all’ aria aperta, potevi sfogarti e soffiarti anche il cervello, ma no…tu aspetti di entrare, chiedere informazioni e soffiarti il naso davanti a me, tutto bene??? Il buon senso te lo sei giocato al superenalotto? Cmq se vuoi consigli utili su come migliorare la vita di una commessa in un periodo così stressante, leggi qui I regali migliori per una commessa

Immagino che a questo punto avrai ben chiaro cosa potresti fare per agevolare la vita di una commessa. Se anche tu hai da condividere la tua esperienza, sarei felice di leggerla nei commenti. Ti aspetto amica

mailto:stefania@commessedisperate.com - Commesse Disperate @2021 - stefania sassu - SSSSFN79E52I452CVia Copernico 1 Corsico - Milano - design by martina vitale

Privacy Policy